::  Home del MiSE  ::  Home  ::  Rilevazione dei prezzi  ::  Rilevazione dei consumi  ::  Monitoraggio GPL
 Pubblicazioni
  Bilancio Energetico 
  Bollettino Petrolifero 
  Scenario Energetico 
  Prezzi del Carbone 
  Prezzi dell'Elettricita' 
  Varie... 
 Petrolio
  Costo del Greggio 
  Consumi 
  Prezzi Nazionali 
  Prezzi Medi Mensili 
  Prezzi Medi Annuali 
  Vendite Provinciali 
 Gas Naturale
  Bilancio 
  Consumi 
  Importazioni 
  Prezzi 
 Modulistica
  Petrolio 
  GPL 
  Logistica Petrolifera 


Scorte petrolifere di sicurezza

La Gazzetta Ufficiale del 26 gennaio 2013 ha pubblicato il decreto legislativo 31 gennaio 2012, n. 249, di attuazione della direttiva 2009/119/CE che stabilisce l'obbligo per gli Stati membri di mantenere un livello minimo di scorte di petrolio greggio e/o di prodotti. L'entrata in vigore del provvedimento è il 10 febbraio 2013. Tale decreto legislativo stabilisce norme intese ad assicurare un livello elevato di sicurezza dell'approvvigionamento di petrolio e di prodotti petroliferi del Paese mediante meccanismi affidabili e trasparenti, a mantenere un livello minimo di scorte di petrolio greggio e di prodotti petroliferi e a prevedere le procedure necessarie per far fronte ad un'eventuale situazione di grave difficoltà o crisi degli approvvigionamenti.
I punti salienti della direttiva riguardano:
  • Avvicinamento del sistema italiano ed europeo al sistema dell'Agenzia Internazionale per l'Energia (AIE).
  • 90 giorni di obbligo basati sul maggior valore trà importazioni nette e consumi, con una semplificazione amministrativa e gestionale attraverso un sistema integrato di rilevazione dell'obbligo tra AIE ed UE.
  • Abbandono delle tre categorie di scorte (Cat. 1 - benzine, Cat. 2 - gasoli, Cat. 3 - Oli combustibili) e passaggio ad una lista più ampia di prodotti petroliferi.
I punti caratterizzanti il decreto legislativo 249/2012 di recepimento della direttiva riguardano:
  • adeguamento alle migliori pratiche comunitarie con partenza graduale e progressiva di scorte governative attraverso lo svolgimento delle funzioni di Organismo Centrale di Stoccaggio Italiano (OCSIT) tramite l'Acquirente unico S.p.A., controllato e vigilato dal MiSE e senza finalità di lucro.
  • l'OCSIT ha il compito di acquistare, detenere e vendere scorte petrolifere in particolare relativamente alle scorte specifiche. Inoltre potrà facilitare l'adempimento delle scorte d'obbligo da parte delle società che potranno delegare in tutto o in parte il loro obbligo di stoccaggio all'OCSIT.
  • l'OCSIT può rappresentare una nuova opportunità economica per il Paese con una riduzione delle scorte all'estero e con un servizio di scorta per gli altri Paesi europei sul territorio italiano, con nuove prospettive di attività economiche che vadano ad affiancarsi a quelle tradizionali della raffinazione e dello stoccaggio commerciale.
Si riportano di seguito la normativa di riferimento, le circolari e la modulistica riguardante il nuovo sistema di tenuta delle scorte di sicurezza, le domande e risposte più frequenti ricevute e il collegamento con il nuovo sistema informatico del Ministero dedicato al monitoraggio delle scorte petrolifere italiane (SIMSPI).

News e aggiornamenti Normativa di riferimento Circolari, note e comunicazioni Scorte all'estero Presentazioni Modulistica

Ufficio di riferimento
Direzione generale per la sicurezza dell'approvvigionamento e le infrastrutture energetiche – Ing. G. Dialuce
Divisione IV - Mercato e logistica dei prodotti petroliferi e dei carburanti - Dirigente Dott. Guido Di Napoli
Gruppo di lavoro:
  • dr. G. Perrella (06/47052098) coordinatore;
  • dott.ssa D. Castrini (06/47052404),
  • dott.ssa M. A. Domenici (06/47052433),
  • sig.ra L. Loverde (06/47052433).
Per gli aspetti legati all'utilizzo dell'applicativo Scorte Petrolifere si puo' contattare l'ing. Andrea Mercanti e l'ing. Andrea Petricca al numero 06/80133218 o in alternativa 06/47053229.

Ulteriori informazioni in materia potranno essere richiesti a mezzo posta elettronica al seguente indirizzo: dgsaie.scorteoil@mise.gov.it